• Benvenuto sul nuovo portale di
    Mons. Giuseppe Mani

  • Giuseppe Mani

    Cattedrale Web

Buona novella

Diventare discepoli di Cristo

Diventare discepoli di Cristo

Ha avuto una certa audacia l’evangelista Marco nel presentare questo episodio piuttosto impegnativo: Gesù annuncia la sua passione, le sue sofferenze e la sua morte ormai imminente e gll apostoli continuano a discutere di potenza e di potere, Gesù cammina risolutamente verso Gerusalemme dove lo attende la Passione e i dodici cercano gli onori. Gesù li interroga “Di che cosa parlavate lungo la via?” E loro ovviamente tacevano. Eran fatti della stessa umanità come la nostra soggetti alle medesime ambizioni e tentazioni.

Chi è Gesù?

Chi è Gesù?

Il Vangelo di oggi ci ripropone la questione dell’identità di Gesù. Ogni uomo di buona volontà deve riconoscere che è un uomo “che viene dall’alto”, Colui che il Padre ha inviato. E’ il primo passaggio abbligato della fede. Ora c’è da fare il secondo: riconosciuta l’origine e l’identità di Gesù non si tratta che di seguirlo dove Egli va: verso la Pasqua, cioè a dire attraverso il male umano. Gesù pone questa questione a Cesarea di Filippo, la città più a nord di questo viaggio. I suoi apostoli lo hanno accettato e ricosciuta la sua identità, accettano di seguirlo anche a malincuore sulla via della Pasqua.

La vendetta di Dio

La vendetta di Dio

La prima lettura di questa domenica parla della vendetta di Dio. “Ecco il vostro Dio: giunge la vendetta!”. Nutriti come siamo del messaggio di Cristo l’affermazione di Isaia ci stupisce non poco anche se non è raro sentir parlare di un Dio vendicativo da certi profeti di sventura. Come è possibile attribuire a Dio un sentimento così orribile come la vendetta? Si pensa ad una metafora. Ma questa vendetta non è come quella degli uomini, non assomiglia alla nostra.

Lettera della settimana

Il diavolo entrò in Lui.

Il diavolo entrò in Lui.

Il fenomeno della pedofilia sembra diventato il problema numero uno della chiesa. E’ raro che passi giorno in cui il Papa non ne parli, i vescovi non denuncino qualche caso e i giornalisti non facciano articoli vedendo il fenomeno sotto i vari punti di vista: sociologico, pedagogico, penale. Raramente si dispensano dal dare giudizi sulla situazione e proporre soluzioni. Non mi risulta che qualcuno abbia ancora affrontato il fenomeno sotto l’aspetto morale: è un grave peccato che offende Dio e l’uomo nella sua dimensione di maggiore fragilità: l’infanzia.

Discernimento

Il discernimento

Il discernimento

Una volta preparata la Coscienza indispensabile affrontiamo il tema del Discernimento che . ripetiamo è l’arte di saper scegliere trovando la volontà di Dio nelle cose. Non è un affare da niente ma convinti che non arriveremo mai ad avere la certezza assoluta che quello che scegliamo sia la volontà di Dio , ma soltanto la certezza morale, con umiltà cominciamo secondo l’esperienza che la chiesa ci offre.

Facebook

Iscriviti alla newsletter

Scrivi a Mons. Giuseppe Mani

Scrivia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright © 2017 giuseppemani.it - Powered by NOVA OPERA

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok