• Benvenuto sul nuovo portale di
    Mons. Giuseppe Mani

  • Giuseppe Mani

    Cattedrale Web

Buona novella

Una religione

Una religione "in Spirito e Verità"

Qualche tempo fa chiesi ad un amico che si dichiarava agnostico “Perché non hai una religione?” mi rispose “Per spirito religioso”. Questa semplice battuta mi ha rivelato come il muro che divide i credenti dai non credenti è davvero fragile. Lo spirituale cerca sempre le sue vie e ce ne sono: la legge di Dio data al popolo attraverso Mosè, le Beatitudini ( la carta del Regno) proclamate da Gesù. I mezzi quindi ci sono ma bisogna usarli. La legge divina può essere cammino di vita o di morte seguendo il modo con cui lo comprendiamo. Alcuni le rifiutano perché le trovano troppo in contraddizione col loro modo di vivere.

Mancanza di operai

Mancanza di operai

La chiesa è nata in stato di mancanza e vive in una beata dipendenza.
La mancanza delle vocazioni risale ai tempi di Gesù. La penuria dei servi del Vangelo risale alle origini della chiesa. La chiesa è nata in stato di mancanza. Questa è la sua condizione. Sperimenta sempre la sua povertà dinanzi alla vastità del suo compito e la precarietà dei suoi mezzi. Ogni volta che se ne è dimenticata le cose son finite male: ha tradito la sua missione prendendo mezzi e potere che sono quelli del mondo.

Sulla strada verso Gerusalemme

Sulla strada verso Gerusalemme

La pagina del vangelo di oggi ci presenta Gesù con tutte le sue esigenze nei confronti di coloro che vogliono seguirlo. La cosa non manca di stupirci.
Gesù con i suoi va verso Gerusalemme e si fermano in un villaggio di samaritani per fare i preparativi, ma i samaritani non amano accogliere coloro che vanno a Gerusalemme. Gli apostoli se ne accorgono e Giacomo e Giovanni , senza tanti indugi volevano far scendere il fuoco sui di loro e distruggerli. Gesù li rimprovera e si fermano al villaggio seguente.

Il Vescovo Risponde

La chiesa insegna ancora la verità?

La chiesa insegna ancora la verità?

“In questo periodo storico in cui mancano risposte chiare e le persone sono disorientate e in cui c’è sete di certezze, perché la Chiesa ha smesso di essere un riferimento saldo, chiaro e sicuro? Lo dico da agnostico, non da credente”

Formazione permanente

Una omelia da non perdere

Una omelia da non perdere

Una omelia da non perdere, per questo ve la giro perché possiate anche voi compiacervi sulla verità annunciata dall’Arcivescovo di Parigi Mons. Aupetit: si giustificano le cattive azioni con buoni sentimenti. 

Lettera della settimana

Un profeta del nostro tempo è tornato alla casa del Padre: Jean Vanier

Un profeta del nostro tempo è tornato alla casa del Padre: Jean Vanier

La cosa più importante non è fare delle cose per i poveri, ma di entrare in rapporto con loro, di aiutarli a trovar fiducia in loro stessi e scoprire i propri doni.” Questo è Jean Vanier, quella persona straordinaria che ho incontrato una sola volta, per un solo pomeriggio quando, sapendo che era a Roma, lo volli al Seminario Romano per farlo conoscere ai miei seminaristi che ne rimasero segnati. Era nato il 10 settembre 1928.

Facebook

Iscriviti alla newsletter

Scrivi a Mons. Giuseppe Mani

Scrivia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright © 2019 giuseppemani.it - Powered by NOVA OPERA